Mangiare una pesca al giorno: ecco cosa può accadere al nostro corpo

L’impatto culturale mantenuto da un frutto come la pesca, che è di origine asiatica, diffuso già da diversi millenni anche ad Occidente, risulta essere importante, addirittura in vari ambiti è stato considerato un frutto dalle proprietà miracolose. Nel contesto odierno la pesca è assolutamente diffusa e molto apprezzata, sia consumata “così com’è” ma anche  sotto altre forme, ad esempio succhi o marmellate. Mangiare una pesca al giorno risulta essere per molti una forma di metodologia alimentare molto utile.

Ma quali sono gli effetti sull’organismo di questo frutto così amato e duttile allo stesso tempo? Esistono principali controindicazioni?

Per comprenderlo è necessario capire almeno in maniera superficiale da cosa è composta una pesca e quali sono le principali prerogative dal punto di vista nutrizionale.

Mangiare una pesca al giorno: ecco cosa può accadere al nostro corpo

mangiare una pesca tutti  i giorni
Fresh Peaches

E’ il tipico frutto dell’estate, dal quale si ricavano prodotti di ogni tipo, anche a scopo officinale. Molte tipologie di bevande, come il tè freddo risulta essere spesso alla pesca, ed anche se risulta essere simile all’albicocca, la pesca gode di proprietà importanti sotto quasi ogni punto di vista.

Esistono varie forme di sotto categorie di pesca, ma fondamentalmente dal punto di vista  nutrizionale sono tutte abbastanza simili: prevale l’acqua come contenuto che supera in alcuni casi il 90 %  del peso totale, il resto è costituito da una buona presenza di vitamine (spicca la vitamina C) ma anche sali minerali come potassio, calcio e fosforo tutti utili per migliorare l’appetibilità dei nutrienti e per migliorare il sistema imminutario grazie alle doti antiossidanti della pesca.

Presente anche la Vitamina A molto utile per la salute di pelle e capelli.

Hanno un ridotto indice glicemico (sono adatte, nella quantità di una al giorno) al consumo da parte dei diabetici ma anche per chi segue un regime ipocalorico in quanto 100 grammi di pesche non superano le 30 calorie. Consumarne una al giorno è una buona idea in modo particolare lontano dai pasti in quanto troppo a ridosso di questi ultimi può generare una forma di fermentazione nello stomaco, frutto dell’opera degli enzimi contenuti nella frutta in questione.

Questo può provocare un fastidio o un bruciore del tratto digestivo ma anche nell’area addominale, non contando che la pesca contiene il sorbitolo che può generare disturbi inerenti ai gas intestinali che possono provocare fastidi come il meteorismo diffuso ed incentivare la reazione allergica.

Un frutto comunque da consumare senza grossi problemi nella quantità di uno al giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cambia impostazioni privacy