Formaggi senza lattosio: ecco quali sono i migliori

Il formaggio è sicuramente uno degli alimenti più antichi e più amati in tutto il mondo, con diverse varietà che si differenziano per il loro sapore, per la consistenza e per il suo profumo. Tuttavia ci sono alcune persone che preferiscono consumare dei formaggi senza lattosio, specie coloro che soffrono di intolleranza al lattosio. Presente nel latte ed anche nei prodotti lattiero-caseari, il lattosio risulta essere una molecola composta dall’unione di glucosio e di galattosio, ed è classificato anche come disaccaride (ovvero zucchero).

Nel normale processo di digestione, il lattosio non viene comunque assorbito direttamente dal nostro intestino, ma il nostro organismo produce un enzima specifico che viene chiamato lattasi, che ha il compito di separare il glucosio e il galattosio e li rende assimilabili dalla mucosa intestinale. Al tempo stesso, però, ci sono anche altre persone che non producono a sufficienza tale enzima oppure non lo producono affatto e, pertanto, sviluppano un’intolleranza al lattosio che impedisce loro di digerire questa sostanza presente nei latticini.

In questi casi vediamo che il lattosio non digerito rimane nel nostro intestino, dove viene fermentato dai batteri che sono presenti nella mucosa e che contribuisce alla produzione di gas intestinali, causando particolare gonfiore addominale, ma anche dolore e potenziali episodi di cefalea. La buona notizia è che tali soggetti non sono affatto costretti a rinunciare ai formaggi.

Quali sono i formaggi senza lattosio? Ecco tutto

Infatti esistono dei formaggi che sono naturalmente senza lattosio che rappresentano una deliziosa alternativa per chiunque soffra di intolleranza. Oltre a questi, esistono comunque dei formaggi che vengono delattosati grazie ad alcuni processi industriali. Questo processo di fermentazione, in pratica, va a ridurre notevolmente la quantità di lattosio presente nel formaggio, rendendolo generalmente sicuro anche per chi soffre di intolleranza al lattosio. Ma adesso andiamo a scoprire di quali formaggi si tratta.

Il primo fra tutti è il Parmigiano Reggiano un formaggio italiano a pasta dura e granulosa famoso per aver la minore concentrazione di lattosio in assoluto. Questo è dovuto al fatto che il processo di produzione è più lungo e la stagionatura dura almeno 12 mesi. Il secondo è il Pecorino Romano che viene realizzato con latte di pecora e che ha una quantità molto bassa di lattosio oltre che un sapore decisamente forte e salato ed una consistenza dura.

Poi abbiamo il Gouda, un formaggio olandese che diventa una scelta popolare per tutti coloro che cercano formaggi senza lattosio. Ha un sapore morbido e dolce e può essere consumato sia da solo che come parte di diversi piatti, tra cui panini e ricette a base di pasta. Infine c’è il Cheddar, un formaggio a pasta dura originario dell’Inghilterra che viene spesso utilizzato per insaporire hamburger e gustosi sandwich.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cambia impostazioni privacy