Indovinello del giorno: vendo prodotti freschi…che nessuno mangia! Chi sono?

L’indovinello è tradizionalmente concepito e percepito come una forma scritta di un particoalre enigma, quasi sempre radicato in una sola frase, al massimo un breve racconto, che risulta essere in qualche modo comprensibile, se ben contestualizzato fin da subito, riesce anche a portare una forma di interesse in qualche modo corrispondente nell’ ascoltarore o nel lettore di turno. Un indovinello sufficientemente intrigante non per forza riesce a far capire da subito la risposta, anzi l’intento è quello di intrattenere più a lungo possibile, come potenzialmente può fare l’indovinello del giorno.

Deve essere prima di tutto facilmente comprensibile e poi gradualmente portato ad essere chiaro ed interessante.

Quello di oggi chiaro lo è sicuramente…facile o difficile dipende molto dall’abilità del singolo individuo.

Indovinello del giorno: vendo prodotti freschi…che nessuno mangia! Chi sono?

Infatti sicuramente l’allenamento mentale porta un indovinello ad essere più o meno facile da “districare” ma è sicuramente vero che anche solo il ragionamento e il doversi “spremersi le meningi” comporta ad un’applicazione effettiva dell’indovinello stesso.

Sono davvero molte le tipologie possibili che portano un indovinello ad essere più o meno efficace, non esiste una vera e propria regola per definirne uno di buona qualità, diciamo: spesso presentano dei controsensi particolari in altri casi invece la risposta può essere compresa solo con un ragionamento vero e proprio, il che comporta più tempo.

Quello attuale è una forma di indovinello che fa emergere una forma di paradosso tra qualcosa che è fresco ma che non va consumato, nello specifico si tratta di trovare un individuo o una figura che vende questi prodotti particolari. Sei riuscito a capire di chi si tratta? La risposta giusta è poco più sotto.

Il fioraio/fiorista! I prodotti freschi sono ovviamente i fiori che sono quasi sempre preferiti nella loro variante fresca, ossia raccolti da non troppo tempo. E non sono nella stragrande maggioranza dei casi, concepiti per essere consumati dagli esseri umani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cambia impostazioni privacy