Il nuovo accordo Brexit di Theresa May: analisi punto per punto

nuovo accordo brexit

Articolo aggiornato il

Il primo ministro Theresa May ha fatto un’offerta per un nuovo accordo Brexit ai parlamentari, riassunto in 10 punti. Ecco le promesse che ha fatto (se il piano verrà approvato).

Pubblicità

1. Disposizioni alternative

nuovo accordo brexit

Che cos’è? Un impegno a cercare un altro modo per risolvere l’enigma del backstop nordirlandese trovando diversi piani di confine, molto probabilmente con la tecnologia, prima del termine ultimo di dicembre 2020.

A chi piacerà? Si rivolge a Tory Brexiters e al partito democratico unionista, ma la prosta non è nuova e troppo fumosa per valere molto.

2. Mantenere l’Irlanda del Nord allineata

Che cos’è? Una promessa che se il backstop entrerà in vigore, l’Irlanda del Nord rimarrà in linea con il resto del Regno Unito su regolamenti e dogane anziché essere separata da un confine nel Mare d’Irlanda.

A chi piacerà? Vedi il punto uno. Questo è rivolto alle stesse persone, e probabilmente sarà ugualmente sottostimato.

backstop

3. Approvazione dei parlamentari

Che cos’è? Dice che “gli obiettivi negoziali e i trattati finali” devono essere approvati dai parlamentari.

A chi piacerà? In teoria, una vasta gamma di parlamentari sarà incoraggiata da questa garanzia del loro ruolo. In realtà, fa poca differenza.

Pubblicità

4. Diritti dei lavoratori

Che cos’è? Un nuovo disegno di legge promesso che garantisce che i diritti dei lavoratori nel Regno Unito non resteranno indietro rispetto a quelli dell’UE.

A chi piacerà? Deputati laburisti, anche se questo è già stato promesso più volte e viene quindi preso in considerazione.

5. Protezione ambientale

Che cos’è? Simile al punto precedente, una garanzia che gli standard non scenderanno al di sotto di quelli UE, con un nuovo “cane da guardia” indipendente per monitorare questo.

A chi piacerà? Principalmente parlamentari laburisti e Tories ambientalisti, anche se, a parte il promesso cane da guardia, questo non è niente di nuovo.

Pubblicità

6. Commercio senza attrito

Che cos’è? Una promessa di cercare “il più vicino al commercio senza attrito di merci con l’UE possibile al di fuori del mercato unico e porre fine alla libera circolazione”.

A chi piacerà? Questo è essenzialmente una riaffermazione dell’evidente e ovvio implicito negli impegni di vecchia data di maggio, quindi è difficile capire come possa impressionare chiunque.

7. Catene di approvvigionamento just-in time

Che cos’è? Un impegno a rispettare le regole dell’UE per le merci e i prodotti agroalimentari che potrebbero altrimenti affrontare i controlli alle frontiere, evitando così ritardi eccessivi per le imprese.

A chi piacerà? Come per il punto sei. Nulla di nuovo.

8. Un “compromesso doganale”

Che cos’è? Ai parlamentari sarà permesso di decidere sugli accordi doganali post-Brexit.

A chi piacerà? Potenzialmente, nessuno. Ad alcuni conservatori non piacerà nemmeno la prospettiva di un’unione doganale temporanea; I deputati laburisti vogliono uno permanente, che non è in offerta.

Pubblicità

9. Secondo referendum

Che cos’è? Una garanzia di un voto della camera dei comuni sulla possibilità di sottoporre l’accordo finale a un referendum di conferma.

A chi piacerà? Di nuovo, forse non a molte persone. Gli avversari di un secondo referendum non gradiranno la concessione; chi sostiene l’idea vuole invece una concreta garanzia di un nuovo voto pubblico.

referendum brexit

10. Modifiche alla dichiarazione politica

Che cos’è? Un “obbligo giuridico” per assicurare le necessarie modifiche alla dichiarazione politica aggiunto all’accordo con l’UE per riflettere i cambiamenti.

A chi piacerà? Anche questa sembra una cosa completamente ovvia da fare, c’è la possibilità che sia stata aggiunta alla lista per arrotondare fino a 10 punti…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *