Il British Museum di Londra – Cosa vedere e tutte le informazioni utili (Aggiornato 2019)

british museum londra

Nel pantheon dei musei di Londra , uno si distingue dalla folla. In virtù dell’essere il più grande, il più antico e il più popolare dei musei di Londra, il British Museum è un’attrazione culturale titanica. È anche una delle tante cose gratuite da fare a Londra, che dà quel fascino in più. 

Pubblicità

C’è un motivo per cui è l’attrazione turistica più visitata nel Regno Unito: ha una straordinaria collezione di manufatti, risalenti a migliaia di anni fa e provenienti da tutto il mondo, con oltre 6 milioni di visitatori annuali, il che lo rende il terzo museo più visitato al mondo dopo il Louvre a Parigi e il Metropolitan Museum di New York.

Quindi, quali sono le cose migliori da vedere al British Museum? Specialmente se hai poco tempo da dedicargli? Prosegui nell’articolo per scoprirlo, ma prima un po’ di storia e informazioni utili.

La storia del British Museum

Il museo è stato fondato nel 1753 ed è stato aperto al pubblico il 15 gennaio 1759. Si basava sulla collezione di Sir Hans Sloane, un medico e collezionista che volle che i manufatti che aveva acquisito fossero conservati dopo la sua morte. La sua collezione comprendeva oltre 400.000 libri e oggetti d’antiquariato provenienti da Grecia, Roma, Egitto, Medio Oriente e America.

Il British Museum di Londra - Cosa vedere e tutte le informazioni utili (Aggiornato 2019) 1
Una raffigurazione della Montagu House

Il British Museum si trovava inzialmente volta nella Montagu House, una dimora del XVI secolo. Tuttavia, questo edificio divenne presto troppo piccolo per la collezione in continua espansione grazie alle acquisizioni del museo e le donazioni private. Già 1782, la collezione era cresciuta considerevolmente, compresi numerosi manufatti greci e romani. 

Più tardi, nel 1801, il museo ottenne reperti egiziani, tra cui l’imponente Rosetta Stone, la stele di Rosetta (famosa per il suo ruolo nella traduzione dei geroglifici egiziani). Nel 1823, Giorgio IV donò l’intera biblioteca di suo padre, rendendo necessario spostare il museo in un altro edificio.

Nel 1852 fu completato il nuovo edificio, che era stato costruito in stile greco neoclassico. Il British Museum è ancora attualmente ospitato in questo imponente edificio progettato da Sir Robert Smirke.

british museum storia

Per fare spazio alle nuove acquisizioni, le collezioni di storia naturale furono spostate nel 1887 in quello che oggi è il Museo di Storia Naturale. Inoltre, nel 1973 la biblioteca divenne parte di una nuova organizzazione. 

Nel 2000 il cortile interno, un tempo pieno di libri della British Library, è stato ricoperto da un elegante soffitto in pannelli di vetro, aggiungendo il 40% in più di spazio per i caffè e i negozi sottostanti e liberando spazio espositivo.

british museum

Nella primavera del 2014 è stato svelato il più grande sviluppo nella storia del museo. Il World Conservation and Exhibitions Centre ospita nuovi laboratori di conservazione e scienza e la straordinaria nuova Sainsbury Exhibitions Gallery, uno spazio appositamente progettato che consentirà al museo di allestire mostre sempre più ambiziose.

Nuove gallerie islamiche e giapponesi sono state aperte nel 2018 e il nuovo direttore Hartwig Fischer ha in programma un ruolo centrale per la celebre Sala di lettura.

Orari del British Museum

Il British Museum apre tutti i giorni dalle 10 alle 17.30, la chiusura inizia 10 minuti prima della chiusura.

l Venerdì il museo rimane aperto fino alle 20.30 con tour, eventi e molte gallerie aperte. Ingresso libero.

Pubblicità

Per le mostre temporanee, i prezzi vanno da £ 15 adulti, a £ 12 dai 16 ai 18 anni e gratuito per i minori di 16 anni che accompagnano un adulto pagante – i prezzi variano in base agli eventi.

Dove si trova il British Museum e contatti

Il British Museum si trova Great Russell Street, Londra WC1

british museum mappa

MetropolitanaHolborn , (linee Central e Piccadilly); Tottenham Court Road (linee Northern e Central). 
Autobus: 1, 7, 8, 10, 14, 19, 24, 25, 29, 38, 55, 73, 98, 134, 242 e 390.

Telefono: 020 7323 8181

Sito web: britishmuseum.org

La collezione permanente del British Museum

Una collezione mozzafiato di oltre 8 milioni di oggetti che dipingono un ritratto interconnesso del culture del mondo. Ma incarna anche le lunghe tradizioni britanniche di esplorazione, eccentricità e collezionismo ossessivo. 

 Il British Museum è suddiviso in sezioni corrispondenti ad aree e periodi di tempo. Troverai ali separate per l’antico Egitto, l’antica Grecia e Roma, l’Asia, l’Europa, il Medio Oriente e le Americhe, distribuite su tre piani.

La Great Court, nel centro del museo merita sicuramente una visita. Questa piazza è coperta da un tetto di vetro e ospita la sala di lettura, che era la sala di lettura principale della British Library.

british museum great court

È possibile trovare dalle porcellane cinesi agli oggetti d’antiquariato preistorici e medievali  e monete e medaglioni di diversi periodi nelle diverse sale del museo. 

Le sale più notevoli del British Museum includono l’ Antico Egitto e sezioni greche e romane.

Dppo al Museo Egizio al Cairo, il British Museum ospita la più completa collezione di antichità egizie nel mondo, che abbraccia circa 11000 anni di storia. Delle sette gallerie permanenti, quelle al secondo piano sono le più avvincenti e ospitano la collezione senza pari di mummie e bare. Non perdere la Rosetta Stone, la chiave per la nostra comprensione contemporanea dei geroglifici.

british museum gallerie egizie

La significativa collezione di oggetti greci e romani copre l’età del bronzo greco fino al IV secolo d.C. Le attrazioni principali sono le controverse sculture del Partenone dell’Acropoli, e le gallerie presentano anche figure e un fregio dallo stupefacente Mausoleo di Alicarnasso e il Tempio di Artemide da Efeso – due delle sette meraviglie del mondo antico.

Il tesoro anglosassone di Sutton Hoo – uno dei reperti più importanti nell’archeologia britannica – ha recentemente ricevuto maggiore importanza con una nuova spettacolare mostra che lo collega ad altre culture presenti nel museo.

sutton hoo british museum

Le gallerie della cultura mondiale del museo sono tra le più affascinanti. Nelle gallerie africane ci sono gli eccezionali Bronzi del Benin. Le arti applicate di Cina e Giappone sono ben rappresentate, mentre le gallerie di arte islamica sono tra le più grandi del mondo, tra cui dipinti, ceramiche e oggetti di vetro. Le gallerie del Medio Oriente sono dominate dalla vasta collezione di manufatti mesopotamici.

Sede della collezione nazionale di stampe e disegni, le proprietà del British Museum si estendono dal 14 ° secolo ai giorni nostri e includono opere di tutti i principali artisti europei e britannici.

Cosa non perdere al British Museum di Londra?

Le collezioni del British Museum sono vaste e si può passeggiare per giorni e non risucire a vedere tutto quanto. Se vuoi assicurarti di vedere le mostre principali, dai un’occhiata a questi punti salienti del British Museum che possono essere apprezzati anche solo in un paio di ore.

La galleria egiziana – Sala 4

Questa lunga e spettacolare galleria, che si estende per quasi la lunghezza del lato ovest del museo, ospita sculture e manufatti di circa 3000 anni di antica civiltà egizia. Presenta busti spettacolari, sarcofagi elaboratamente incisi e la mostra più popolare del museo: la Rosetta Stone, risalente al 196 a.C. e incisa con testi quasi identici in tre lingue, che ha permesso ai linguisti di sviluppare una comprensione dei geroglifici egiziani attraverso il confronto.

stele di rosetta

Perché è da vedere: questi reperti danno un’idea immediata della magnificenza, dell’ambizione e della raffinatezza dell’antica cultura egiziana.

Cosa cercare: una gigantesca scultura di uno scarabeo, con gambe finemente intagliate e un enorme busto di Ramesse II

british museum egitto

Nelle vicinanze: adiacente alla lunga galleria egizia si trova collezione del Medio Oriente. Nella Sala 6 troverai le incredibili statue di leoni alati a testa umana (883-859 a.C.) che formavano le porte della sala del trono del re Ashurnasirpal II d’Assiria (che ora chiamiamo Iraq settentrionale). E sì, hanno cinque gambe, perché sono state progettate per essere viste sia frontalmente che lateralmente.

Nota: la galleria è affollata, perché si trova vicino all’ingresso principale del museo. Arriva presto!

Le sculture del Partenone – Sala 18

Questi splendidi fregi e sculture facevano parte del Partenone sull’Acropoli di Atene, costruita tra il 447 e il 438 a.C. furono rimossi nel 1805 da Lord Elgin, ambasciatore britannico nell’Impero ottomano, nel tentativo di salvarli da un ulteriore degrado, ma il possesso dei “Marmi Elgin” da parte del British Museum, come venivano chiamati, è stato a lungo soggetto di aspre polemiche

partenone british museum

Perché è da vedere: questi fregi finemente scolpiti e queste sculture offrono un ritratto riccamente dettagliato della società e dei costumi ateniesi.

Cosa cercare: la testa del cavallo con gli occhi sporgenti e le guance venate, sfinita dal trascinare il carro della luna attraverso il cielo notturno.

british museum grecia

Nelle vicinanze: il monumento Nereide, una grande tomba trovata a Xanthos (nella moderna Turchia), nell’adiacente Sala 17 è una meravigliosa fusione di figure greche e mediorientali, con nereidi (mitiche ninfe marine), un re persiano e u esercito greco raffigurati tutti insieme sui suoi pannelli decorativi.

Le ceramiche cinesi – Sala 95

Questa straordinaria collezione di ceramiche cinesi si distingue per la sua bellezza, rarità e valore storico. Alcuni pezzi risalgono all’invenzione della porcellana circa 2000 anni fa.

british museum david vases

Perché è da vedere: la galleria ha più di 1.700 esempi di meravigliosi oggetti in ceramica mozzafiato, sia pratici che fantasiosi.

Cosa cercare: i “David Vases”, probabilmente i più importanti pezzi di porcellana bianca e blu esistenti, hanno iscrizioni che li datano al 1351. Sir Percival David riunì i vasi nel 1935, dopo averli acquistati da due collezioni separate.

Nelle vicinanze: accanto alla galleria di ceramiche si trova la Sala 67, dedicata alla cultura e alla tradizione coreana dal 300 a.C. ai giorni nostri. Ha una gamma eclettica di oggetti, tra cui oggetti in metallo, disegni, dipinti, ceramiche e calligrafia, e vale la pena dare un’occhiata, anche solo per vedere la ricostruzione di un saranbang, uno studio tradizionale.

Sutton Hoo Ship – Sala 41

Il ritrovamento nel 1937 di una nave anglosassone risalente al 600 d.C. circa fu una sorprendente scoperta di tesori reali. La nave lunga circa 30 mt era il sogno di qualsiasi archeologo, piena di tesori, tra cui gioielli d’oro, argenteria bizantina, un magnifico scrigno e un elmo di ferro. Potrebbe essere stato il luogo di sepoltura di un re anglosassone.

british museum sutton hoo

Perché è da vedere: gli oggetti in mostra sono squisitamente realizzati e ci raccontano molto sull’Inghilterra anglosassone e che i grandi tesori, i viaggi epici e i guerrieri più grandi della vita della poesia di quel tempo non erano lontani dalla realtà.

british museum sutton hoo

Cosa cercare: realizzato in ferro e rivestito con pannelli di rame che mostrano una vasta gamma di scene, l’elmo di Sutton Hoo è uno dei soli quattro sopravvissuti del periodo. Ha una forma distintiva e una maschera minacciosa con sopracciglia di rame intarsiate con filo d’argento, che terminano con la testa di un cinghiale d’argento.

Nelle vicinanze: anche se non siete interessati agli orologi, le sale 38 e 39 ospitano meravigliosi orologi che probabilmente vi lasceranno a bocca aperta. Assicurati di trovare il Carillon Clock del 1589 che suona musica scritta da Martin Lutero e il Galeone meccanico del 1585, che ha soldati in miniatura che suonano campane e sparano.

Caccia al leone Assira – Sala 10

I rilievi scolpiti su pannelli di alabastro che fiancheggiano questa galleria illustrano i rituali di caccia stravaganti dell’ultimo grande re assiro, Ashurbanipal, che visse tra il 668 e intorno al 630 a.C. I pannelli raffigurano una storia completa, dal rilascio dei leoni all’inseguimento successivo, l’inondazione di frecce e gli omicidi che hanno segnato l’abilità e il potere del re.

british museum assiri

Perché è da vedere: le scene di caccia mostrano un mondo di sfarzo, rituali e crudeltà lontani dalla maggior parte della sensibilità occidentale di oggi.

Cosa cercare: il ragazzino che rilascia i leoni dalla loro gabbia all’inizio della sequenza è un piccolo ma affascinante dettaglio.

british museum assiri

Nelle vicinanze: in un’altra parte di questa galleria, troverai resti del palazzo di Ashurbanipal di quello che ora è il nord dell’Iraq. Osserva da vicino il pannello di muro di pietra, che mostra studi osservati su piante e animali, compresi i leoni che erano tenuti nei giardini reali.

Fuori dai sentieri battuti – se hai ancora un po’ di tempo

Pezzi meno noti ma non meno importanti risiedono in queste cinque gallerie.

Tesoro di Oxus – Sala 52

british museum tesoro oxus

Questa stanza presenta circa 170 oggetti d’oro e d’argento, trovati quando un gruppo di mercanti fu salvato dai banditi da un ufficiale britannico vicino al fiume Oxus, in quello che allora era l’Impero persiano. Il tesoro conteneva vasi, sculture, monete e targhe votive e mostrano le abilità di oreficeria e argenteria del periodo achemenide (550-331 a.C.). Squisiti amuleti dalla testa di grifone, un pesce rosso con scaglie minuscole e una scultura di cavalli e bighe sono tra queste meraviglie.

Reliquiario della Sacra Spina – Sala 2A

british museum sacra spina

Questa scatola gioiello di una stanza contiene circa 300 oggetti preziosi provenienti dall’Europa medievale e rinascimentale, lasciati in eredità al British Museum dal collezionista Barone Ferdinand Rothschild nel 1898. Tra le rarità trovate qui si trova il Reliquiario della Sacra Spina, risalente al 1397 e realizzato per ospitare un spina dalla corona di spine posta sulla testa di Cristo alla sua crocifissione. Cerca il gabinetto teatrale del XVI secolo che assomiglia a un mini set da palcoscenico e una tazza di giada del XVII secolo mozzafiato, con due figure da drago che formano maniglie.

Messico – Sala 27

british museum messico

Ammira brevemente le sculture della dea Huastec vicino all’ingresso, quindi vai dritto verso l’armadio sul retro della stanza, che contiene un serpente a due teste realizzato da un singolo pezzo di cedro e coperto da piccoli mosaici turchesi. I suoi denti da fangli sono realizzati con gusci di conchiglie, le sue gengive e il muso da guscio di ostrica rosso. La lavorazione è spettacolare, come lo è sulle due maschere turchesi in armadi che si trovano su ciascun lato del serpente.

 Hoa Hakananai’a – Sala 24

british museum isola di pasqua

Questa monumentale statua, proveniente dall’incredibilmente remota Isola di Pasqua nell’Oceano Pacifico, fu catturata dall’equipaggio di una nave britannica nel 1868. È difficile immaginare come abbiano spostato l’enorme statua, fatta di roccia vulcanica e del peso di circa quattro tonnellate. Con i suoi occhi cavernosi e la bocca curva, c’è qualcosa di affascinante nella statua che ripaga un lungo e silenzioso momento di contemplazione.

Collezione Africana – Sala 25

british museum collezione africana

Sebbene questa collezione sia eclettica, ci sono pezzi superbi qui, in particolare le targhe del Benin del XVI secolo. Questi pannelli di metallo rettangolari servivano da decorazione per il palazzo del re e offrono rappresentazioni della vita di corte e dei suoi rituali, ma anche di avventurieri europei, di divinità e dei loro seguaci. Ogni targa ha una storia da raccontare, che offre uno sguardo affascinante in una società complessa. Non lasciare questa galleria senza vedere il contemporaneo Albero della vita, una scultura del 2004 realizzata con armi dismesse dalla guerra civile del Mozambico.

Andare con i bambini al British Museum?

Organizza la tua visita al British Museum durante la tua vacanza con i bambini a Londra, per renderlo un giorno che non dimenticheranno mai.

Non lasciare i bambini a casa

Il British Museum è particolarmente adatto ai bambini. Il family desk fornisce informazioni sui percorsi suggeriti adatti ai bambini, note sugli oggetti che vedranno e piccoli libri da colorare. Le guide digitali ( 7£) offrono giochi collegati alle diverse esposizioni, più adatti a quelli di età inferiore ai 10 anni. Il sito web del museo offre un calendario di eventi per famiglie e suggerimenti di attività a misura di bambino. Se vuoi scegliere alcune cose da vedere da solo, ecco tre suggerimenti.

Le Mummie – Sale 62-63

mummie british museum

I bambini in genere sono molto affascinati dai sarcofagi riccamente decorati e scolpiti che riempiono questa stanza – e saranno incantati dagli animali sacri (gatti, tori e coccodrilli) che sono presenti tra le varie mummie della sezione egizia del British Museum.

Gli scacchi di Lewis – Sala 40

british museum scacchi di lewis

Questi pezzi degli scacchi elaboratamente scolpiti, risalenti al 1150, sono realizzati in avorio di tricheco e denti di balena e sono stati trovati sull’isola scozzese di Lewis nel 1831. I bambini noteranno che ogni pezzo ha un’espressione diversa e curiosa (alcuni piuttosto cupi ) e che assomigliano molto ai loro “cugini più famosi” con il loro cameo nel film “Harry Potter e la Pietra Filosofale“.

Indumenti dei nativi americani – Sala 26

british museum nativi americani

Qui ci sono maschere e copricapi meravigliosamente espressivi e colorati, alcuni raffiguranti antenati, altri indossati da ballerini e attori o esclusivamente da capi principali. I bambini si divertiranno a immaginare chi potrebbero essere i personaggi e scegliere i loro preferiti.

Una nota: non cercare di fare troppo con i bambini: il museo è grande e di solito affollato e non ci sono molti posti dove sedersi. Uno o due posti ben scelti saranno probabilmente sufficienti per i piccoli visitatori con meno di 10 anni. Ricorda, puoi tornare quando vuoi: è gratis!


Suggerimenti per la visita

Entrare al museo

  • Gli spazi espositivi del museo aprono alle 10, sette giorni alla settimana. Tuttavia, la Great Court del museo, la sua vasta libreria e la caffetteria al piano terra aprono tutti alle 9 del mattino. Suggerimento: vai presto, bevi un drink, visita la libreria e ammira lo spazio e le meravigliose sculture della Great Court. Quindi sii il primo a entrare nelle mostre, che sono relativamente tranquille per la prima ora.
  • Vuoi andare dopo? Aspettati folle. Considera di visitare dopo le 17:00 di venerdì, quando il museo è aperto fino alle 20:30 (chiude alle 17:30 negli altri giorni.)
  • L’ingresso al museo è gratuito, anche le sue principali collezioni, sarà invece necessario pagare per visitare le mostre in primo piano. (Di solito ce ne sono due alla volta.)
  • Utilizza l’ingresso posteriore su Montague Street per evitare le lunghe file nella parte anteriore. Passerai comunque attraverso un punto di sicurezza, ma ci sono sempre molte meno persone qui.
Pubblicità

Pianifica la tua visita

  • Muoversi non è facile, anche con la mappa ufficiale dettagliata e utile, che dovresti prendere immediatamente. Il British Museum è enorme; aspettati di perderti, ma goditi le incredibili mostre in cui ti imbatti.
  • Le audioguide (8£) sono particolarmente utili, se desideri seguire uno dei tour che suggeriscono.
  • Vuoi un buon tè pomeridiano? Evita l’affollato bar al piano terra e dirigiti verso il ristorante Great Court al terzo piano. (Il modo più rapido per farlo è salire le scale su entrambi i lati dell’enorme cupola circolare – che di solito ospita mostre temporanee – nel mezzo della Grande Corte.) Il ristorante è un paradiso delizioso lontano dal rumore e dalla frenesia.
  • Ci sono servizi igienici in tutto il museo, ma la folla tende a formarsi attorno a quelli dietro la libreria e il negozio di articoli da regalo nella Great Court. Vale la pena cercare luoghi meno frequentati, tutti segnati sulla mappa.
  •  Il British Museum è il più grande spazio interno mappato su Google Street View. Se il tempo è poco, naviga prima della tua visita e scegli cosa vuoi vedere

Non perdere il Bookshop

La libreria del British Museum è eccezionale, con una sezione per bambini particolarmente fornita che potrebbe offrire buone idee regalo. Se hai voglia di una versione in scala ridotta del leone della Grande Corte o di una testa di cavallo dell’Acropoli, visita il negozio delle collezioni a destra dell’ingresso principale, che vende oggetti più costosi, tra cui repliche di statue e altri pezzi.

british museum bookshop

Prenditi il ​​tuo tempo

Poiché l’ingresso al British Museum è libero, non sentire la pressione di visitarlo tutto in una volta. Potresti suddividere la tua visita in una serie di mattine o fare un salto all’aperto per prendere un po ‘d’aria fresca e un cambio di scenario se la folla e tutta la cultura stanno diventando leggermente travolgenti. Ci sono molti posti fantastici (e convenienti) nelle vicinanze per prendere qualcosa da mangiare o da bere.

Vedi tutto in 90 minuti

Se hai poco tempo a disposizione, il British Museum organizza un fantastico tour introduttivo alle loro collezioni chiamato “Around the World in 90 Minutes“, che si tiene il venerdì, il sabato e la domenica. Fa esattamente quello che dice, partendo dalle sculture in pietra di Rosetta e il Partenone, arrivando a meraviglie meno conosciute lungo la strada e impiegando solo un’ora e mezza del tuo prezioso tempo. I biglietti costano £ 14 e puoi prenotare in anticipo attraverso il sito web del museo .

Il posto migliore per le foto 

La Great Court è sicuramente degna di finire sul tuo profilo Instagram. Ma per una diversa visione del British Museum, dirigiti verso la piattaforma panoramica al livello 3 per una vista elevata spettacolare!

british museum great hall

Considera di diventare un membro

Se sei un grande appassionato culturale e starai a Londra per più di una breve pausa, probabilmente vale la pena diventare membro del museo. Costa £ 64 per un abbonamento di un anno (£ 44 se hai meno di 26 anni). I vantaggi includono un guardaroba dedicato, quindi nessuna attesa per depositare borse o ombrelli, ingresso gratuito illimitato a tutte le mostre speciali, nonché serate ed eventi speciali. Scopri di più sul sito ufficiale del museo .


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *