Guida passo passo per aprire un conto in banca in UK

| |

Una delle motivazioni che spinge sempre più persone a trasferirsi nel Regno Unito, Londra nello specifico, è la possibilità di fare di carriera o comunque l’auspicio di trovare “il lavoro dei sogni” e iniziare quel business tanto desiderato in una realtà che ancora premia i talenti e la meritocrazia.

Un passo importante da compiere non appena arrivati in terra anglosassone è quello di aprire un conto corrente UK.

Perchè aprire un conto corrente inglese?

Grazie all’apertura di un conto inglese, potrete:

ricevere lo stipendio che solitamente non viene accreditato su un conto che non sia inglese;

– effettuare qualsiasi altra operazione UK-based che altrimenti non sarebbe possible senza un conto inglese;

ricevere una carta di debito gratuitamente con la quale effettuare pagamenti online e per negozi/ristoranti;

– effettuare potenziali cambi valuta grazie a piattaforme di supporto come Transferwise

– ricevere eventuali rimborsi da parte di HMRC e incassare relativi refund cheque (questo soprattutto per self-employed e piccoli business).

Documenti necessari per l’apertura del conto corrente britannico

L’apertura di un conto corrente inglese è un processo solitamente semplice e veloce che si effettua direttamente allo sportello.

I documenti necessari per procedere con l’application sono:

– un documento identificativo valido (il passaporto è consigliabile rispetto alla carta d’identità),

– una prova di residenza, la cosiddetta proof of address (una qualsiasi bolletta/utenza a voi intestata non più vecchia di 3 mesi, può essere anche la comunicazione ricevuta da parte del Jobcentre con la richiesta del NIN o il contratto di lavoro se già in essere).

Da sottolineare che le banche UK non hanno una policy comune circa il processo di apertura iniziale ma in termini generali, i due punti sopra riportati sono i capi saldi di una qualsiasi application di una qualsiasi banca inglese.

Quale banca scegliere per aprire un conto a Londra?

conto in banca inglese

Le banche più famose e accessibili che offrono la possibilità di aprire un “current account” basilare completamente gratuito sono le seguenti:

– Barclays

– Lloyds

– HSBC

– Natwest

– Santander

Come scegliere

Partendo dal presupposto che tutte le banche sopra elencate prevedono la possibilità di aprire un conto corrente “basic” gratuitamente e la possibilità di gestire il proprio conto online senza pensieri, i servizi aggiuntivi forniti sono molteplici e facilmente consultabili sui relativi siti web.

Per i nuovi arrivati, è sicuramente preferibile scegliere una banca la cui sede sia più o meno vicina al proprio posto di lavoro o alla propria residenza, in modo da essere di facile accesso in caso di necessità. Un altro elemento da considerare in termini di scelta, oltre alla posizione, potrebbe essere il costo delle transazioni internazionali. A parte questo, tutte le banche precedentemente menzionate, emettono gratuitamente annesse carte di debito VISA e libretto degli assegni (sempre assumendo che si tratti di un conto base) per cui la scelta è prettamente individuale giacché i servizi forniti sono molto simili tra loro.

Costi prelievi da ATM e mantenimento conto

Lamaggior parte delle banche UK propone un conto basico che non prevedere nessun “minimum balance” iniziale e nessun costo andando avanti per il mantenimento dell’account. Per quanto riguarda invece il prelievo di contanti, è importante ricordare che la maggior parte degli ATM (a prescindere dalla banca) prevedono prelievi gratuiti per tutti i titolari di conti UK.

Digital Banks

Vale la pena menzionare due tra le più famose Digital Banks che stanno velocemente diventando sempre più gettonate tra la nuove generazioni in quanto prevedono la possibilità di aprire un conto corrente molto velocemente direttamente online o tramite app senza spesa alcuna.

Ci riferiamo a Monzo e Revolut, entrambe Digital Banks senza una sede fisica che stanno via via diventando sempre più utilizzate, sopratutto tra i giovani. Entrambe prevedono l’emissione di relative carte di debito e la possibilità di effettuare/ricevere pagamenti internazionali a costi davvero vantaggiosi.

Revolut predispone anche la possibilità di avere un conto multi-valuta per eventuali pagamenti da effettuare/ricevere in una valuta che non sia in GBP. Entrambe però non hanno sedi fisiche e non permettono di emettere/incassare potenziali assegni al contrario di tutte le altre banche.

Transferwise e i pagamenti internazionali

Alcuni di voi potrebbero avere necessità di effettuare pagamenti internazionali, mandare soldi in Italia o ricevere pagamenti in altre valute. I tassi di cambio che le banche offrono non sempre sono  vantaggiosi purtroppo. La soluzione più rapida e semplice (ed economica) per inviare/convertire denaro da/per l’estero è sicuramente Transferwise con tassi di cambio in tempio reale senza costi di conversione aggiuntiva. Non che Transferwise possa essere un’alternativa assoluta alle “normali banche commerciali” ma può sicuramente essere un valido supporto per coloro che necessitano operare in multi-valuta senza spendere una fortuna.

Previous

TransferWise: effettuare il bonifico internazionale gratuito

Guida passo passo per registrarsi dal GP

Next

Lascia un commento

Questo sito utilizza cookies. Hai il diritto di scegliere se abilitare i cookies statistici e di profilazione . Abilitando questi cookies cliccando sul pulsante o proseguendo nella navigazione, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore .