Combattere l’insonnia con rimedi naturali: ecco come fare

Combattere l’insonnia con rimedi naturali è senza dubbio vantaggioso, perché consente di trovare una soluzione senza rischiare di subire effetti collaterali. Certamente va anche subito chiarito che, qualora si dovesse trattare di una problematica che tende a presentarsi regolarmente, in tal caso sarà opportuno contattare un professionista. Nulla vieta però, specialmente se il disturbo compare solo ogni tanto, di tenere in considerazione alcuni importanti suggerimenti “casalinghi”.

Combattere l’insonnia con rimedi naturali, mangiare bene

Per combattere l’insonnia con rimedi naturali, il primo consiglio da seguire è quello di mangiare bene. Questo significa che sarebbe meglio evitare il consumo di bevande contenenti caffeina durante il pomeriggio e/o la sera. Questa sostanza infatti non è d’aiuto per il riposo, perché tende a ritardare l’arrivo del sonno.

Importante anche un altro punto da rispettare, se si desidera addormentarsi senza troppi problemi: non consumare cibi “pesanti”. Rientrano in questa categoria tutti quelli considerati difficili da digerire, o comunque che richiedono una digestione abbastanza lenta.

Per fare esempi concreti, sarebbe meglio non optare per una cena a base di pasta troppo condita, patate, o comunque piatti molto ricchi di carboidrati. L’ideale sarebbero contorni di verdure o anche riso non eccessivamente carico di condimenti.

Collegato a questo discorso è anche il fatto di evitare di distendersi subito dopo aver mangiato. Sarebbe meglio infatti attendere che il processo digestivo sia terminato, perché almeno non si rischia di rimanere svegli per disturbi allo stomaco.

La camomilla e le tisane

È un classico: molte persone sono convinte che la camomilla sia la soluzione perfetta per l’insonnia. Per alcuni è davvero così, ma per altri si verifica più che altro un “effetto placebo”. Non mancano poi individui che non avvertono alcun cambiamento, sia se provano a consumare tale bevanda, sia no. Ciò che può funzionare è una tisana contenente più erbe, specialmente con la melissa, ma anche con la valeriana.

No al cellulare prima di dormire

Prima di provare a coricarsi è bene controllare che il proprio cellulare, nonché eventuale altro dispositivo elettronico, sia ben lontano. Gli esperti consigliano di smettere di usare tali oggetti almeno tre ore prima di dormire. Il fatto di vedere notifiche, avvisi, email, video e altri contenuti potrebbe infatti spingere il cervello a rimanere attivo e attento, fattore che inciderebbe sul sonno, il cui arrivo sarebbe rallentato.

Altri consigli utili

Anche una buona lettura può essere d’aiuto per conciliare il sonno, specialmente se l’argomento può far rilassare chi legge. Di certo sarebbe opportuno evitare libri di genere thriller o che suscitino suspence, altrimenti sarà più difficile addormentarsi.

In alternativa può essere ideale anche la visione di un film, specialmente se può piacere e allo stesso tempo provocare una sensazione di relax. Molto consigliati sono i documentari, per esempio.

Ci sono persone che invece preferiscono dedicarsi a una propria passione, prima di coricarsi. Che si tratti di sfogliare riviste o lavorare all’uncinetto o realizzare lavoretti manuali, disegnare o altro, ovviamente va bene, purché appunto lo stress venga allontanato e il sonno favorito.

Qualsiasi soluzione si scelga, è bene provare a puntare su rimedi naturali, proprio come quelli indicati. Se il problema persiste, è doveroso contattare un professionista e chiedergli consiglio.

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Cambia impostazioni privacy