Concentrazione: ecco i migliori consigli per aumentarla

Si può aumentare la concentrazione puntando su alcuni semplici consigli, tra cui il fatto di allontanare tutto ciò che può provocare una distrazione, ma non solo. Gioca un ruolo fondamentale ad esempio anche un’alimentazione corretta e questo non è tutto.

Aumentare la concentrazione: prima vanno eliminate le distrazioni

Aumentare la propria concentrazione è possibile, specialmente se si eliminano le possibili fonti di distrazioni. Tra quelle principali vi è il cellulare, perché a volte la voglia di controllare l’arrivo di notifiche e il fatto di vedere messaggi fanno distrarre. Questo punto non si risolve inserendo la modalità silenziosa, perché la tentazione di sbirciare ogni tanto il dispositivo distrae lo stesso. Non per tutti è così, ma meglio evitare. Lo stesso discorso può valere per radio e TV, nonché per qualsiasi altro dispositivo elettronico.

Quando c’è bisogno di concentrarsi, l’ideale sarebbe anche rimanere in una stanza silenziosa. Se è possibile, sarebbe meglio cercare di restare in un ambiente confortevole e allo stesso tempo privo di rumori. Per coloro che si distraggono più facilmente poi può essere utile usare delle sveglie: solo quando suoneranno, sarà possibile concedersi una pausa.

Gestire bene le pause

È bene interrompere il proprio lavoro ogni tanto, perché organizzare il proprio tempo suddividendolo in maniera precisa e alternando momenti di riposo a quelli lavorativi e/o di studio è la soluzione ideale per concentrarsi di più. Quando si è stanchi perché si sono prese poche pause, sarà più difficile rimanere concentrati.

Per questo è sempre meglio saper gestire le tempistiche, senza esagerare con le ore in cui ci si riposa, ma senza sottoporsi a un ritmo lavorativo eccessivamente serrato. In questo secondo caso infatti sarà più che normale non riuscire a concentrarsi. Si deve tenere a mente anche un altro aspetto importante e collegato a questo discorso: suddividere bene i momenti di pausa è utile anche per ridurre i livelli di stress, che possono senza dubbio incidere sulla propria attenzione.

Mangiare bene

Una buona digestione aiuta le persone a rimanere più concentrate, perché lo stomaco sarà rilassato e non sarà sottoposto a un lungo lavoro. Quando invece si digerisce in maniera lenta, perché magari i pasti sono stati “pesanti”, ecco che anche l’attenzione diminuisce, perché il corpo è più rallentato. Se non si riesce a digerire bene poi ciò può provocare stanchezza, altro fattore che riduce la possibilità di rimanere attenti. Per questo sarebbe opportuno mangiare correttamente, puntando su un’alimentazione sana, equilibrata e nutriente al punto giusto.

Motivarsi con premi

Rimanere concentrati non è semplice, ma può esserlo, se si punta sulla propria motivazione. Per aumentare quest’ultima, una soluzione potrebbe essere quella di premiarsi dopo alcune ore in cui si è rimasti fissi sul proprio lavoro o sulla realizzazione di un certo compito, progetto. I premi ovviamente possono riguardare qualsiasi cosa: mangiare uno snack sano oppure guardare le notifiche del proprio cellulare durante una pausa, ma non solo. Ci sono persone che a fine giornata si regalano momenti di relax dedicandosi alle proprie passioni, magari svolgendo attività sportive o creative. Concentrarsi è quindi possibile, se si gestiscono bene tempi e pause, ma anche se si sa come mantenersi motivati e se si tiene quanto più possibile lontano lo stress.

Lascia un commento

Cambia impostazioni privacy