Formaggi che fanno ingrassare: attenzione, ecco la classifica

Tutti gli amanti dei formaggi si saranno domandati prima o poi quali sono quelli che fanno più male. Naturalmente questa domanda riguarda in maniera quasi esclusiva il contenuto di colesterolo che è presente all’interno dell’alimento stesso. I grassi, infatti, si devono tenere sempre sotto controllo, soprattutto quando si hanno dei problemi di cuore o di ipercolesterolemia. Ma quali sono i tipi formaggi che fanno ingrassare di più?

All’interno di questo nostro articolo di oggi ecco che risponderemo a questa domanda e vi proporremo anche una classifica che contenente i formaggi più grassi. Possiamo affermare che quelli che fanno meno male sono tutti quelli che contengono molti meno grassi. Più un cibo è leggero e allora meno sostanze nocive conterrà, ovvero quelle sostanze che possono andare a danneggiare l’organismo causando gravi ostruzioni delle arterie.

Per capire quali sono i formaggi più grassi, ecco che allora li possiamo classificare secondo certe determinate linee guida come ad esempio il tipo di latte utilizzato, la consistenza della pasta stessa, il periodo di stagionatura ed anche la temperatura di cottura. Così facendo ci potremo occupare di classificare come formaggi grassi quelli che hanno la sostanza grassa superiore al 42%, i formaggi semigrassi con hanno una sostanza grassa tra il 42% e il 20% e i formaggi magri dove la sostanza grassa è inferiore al 20%.

Quali formaggi fanno ingrassare?

  • Formaggio Brie: si tratta di uno dei più noti formaggi francesi e viene ricavato dal latte di mucca intero, in forme larghe e piatte. Essa è costituito da una pasta molle e salata ma è al tempo stesso è molto delicata e presente un’aroma penetrante anche se può essere mangiato con tutta la crosta.
  • Caciocavallo: si tratta di un formaggio dell’Italia meridionale, la cui pasta risulta filata e dura. Esso viene realizzato da latte di mucca e la sua forma è molto particolare.

 

  • Formaggio Camebert: anche questo è un formaggio francese che ha una pasta molle e molto cremosa, la sua crosta bianca può anche essere mangiata insieme al formaggio. Esso è ottenuto da latte vaccino intero crudo,  viene prodotto in Normandia e viene presentato all’interno di alcune tipiche scatolette di legno.
  • Fontina: si tratta di un formaggio prodotto nel territorio della Valle d’Aosta, la cui pasta è semicotta, elastica, dolce e anche un po’ piccante. E’ con questo particolare e gustoso formaggio che viene realizzata la famosa “Fonduta alla valdostana”.

 

  • Gorgonzola: beh si sa che questo tipico formaggio della Lombardia è tra quelli che fanno più ingrassare. Esso viene prodotto utilizzando del latte intero, è a pasta cruda, stagionato 2 mesi, al quale si praticano poi dei fori al fine facilitare lo sviluppo dei ceppi di Penicillum. Il gorgonzola presente una pasta molle ed un profumo penetrante e anche il suo sapore risulta leggermente piccante.
  • Stracchino: tipico formaggio Lombardo la cui pasta risulta morbida, bianca e di sapore abbastanza delicato. Viene realizzato con il latte vaccino intero, dalle mucche “stanche” per via della transumanza dal pascolo estivo.
POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Cambia impostazioni privacy