Indovinello di oggi: quando si uniscono, dividono, cosa sono?

Il sinonimo effettivo del termine indovinello risulta essere “enigma” quasi sempre in una forma grammaticale corta, o accorciata rispetto ad una frase lunga o un racconto, anche se gli indovinelli sono oramai molto diffusi anche in altre versioni. Quelli più appetibili come l’indovinello di oggi trovano applicazione in modo specifico anche in virtù della loro tipica caratterizzazione che li vede sviluppare una diffusione immediata.

Appetibile non significa però semplice, in quanto la lunghezza del quesito non indica per forza una facilità di costituizione, anzi a volte quelli più brevi richiedono più tempo per essere compresi a fondo.

Quello di oggi può essere difficile per molti, perchè costituisce una forma di apparente paradosso. Infatti la domanda evidenzia proprio questo. Ma qual è la risposta giusta?

Indovinello di oggi: quando si uniscono, dividono, cosa sono?

Indovinello di oggi: quando si uniscono, dividono, cosa sono?

Un indovinello per essere giusto ma difficile a sufficienza deve essere chiaro, ed arrivare immediatamente al punto, senza troppi giri di parole e sviluppando un ragionamento quasi immediato. E’ vero che alcune tipologie presentano delle difficoltà a partire da come sono enunziati, ma in questo caso non esiste niente del genere.

Si tratta “semplicemente”, almeno in teoria, trovare qualcosa che corrisponde a questa descrizione che sembra “annullarsi” nella logica da sola, eppure fa riferimento in particolare, ad un oggetto. La nostra lingua è molto ampia nei termini e nelle terminologie applicate ai contesti, quindi in non rari casi viene fatto ricorso all’applicazione di modi di dire. Ma neanche è questo il caso.

Sei riuscito a trovare la risposta giusta? In caso negativo, questa è presente poco sotto:

La risposta sono…le forbici, che per loro costituizione, molto semplici ma efficaci da molti secoli, presentano esattamente questa funzione che è legata alla loro forma di movimento. Sono legate da un rivetto, che le tiene collegate, e quando si chiudono, quindi quando le lame si uniscono, “dividono”, quindi tagliano.

Lascia un commento

Cambia impostazioni privacy