Test di matematica: quanto fa 22×20/5+11? Ecco la risposta, pazzesco

Sotto molti punti di vista, quasi universalmente, è la matematica ad “educarci” al contesto di razionalità e logica effettiva, molto prima che questi concetti diventino quindi parte della vita di tutti i giorni anche se per molti, anche per motivazioni disparate, è proprio la matematica il principale ostacolo di gioventù, che tende a restare tale anche fino all’età adulta. I test di matematica sono spesso ricordati con “poca nostalgia” anche da parte di chi magari rimpiange i tempi della scuola.

Poche cose però sono così efficaci e “spietate” come la matematica nella sua logicità, con i numerosi concetti che  trovano una applicazione quasi radicale in tutti i contesti.

E’ molto difficile trovare argomenti e settori di studio che vedono l’assenza di una qualsivoglia di applicazione di questo tipo.

Test di matematica: quanto fa 22×20/5+11? Ecco la risposta, pazzesco

test di matematica

Il test di matematica odierno costituisce un “classico” sotto vari punti di vista, ed è sicuramente comprensibile se si è sufficientemente “ferrati” ma anche semplicemente se si è a conoscenza dei vari contesti di questo tipo. La matematica è infatti un settore che risulta essere complesso e soprattutto infinito, a seconda del nostro grado di apprendimento si è più o meno soggetti a venirne a conoscenza in modo effettivo.

Il seguente calcolo infatti trova “risposta” e quindi risultato giusto applicando il tutto in un ambito algebrico, com’è noto ai più l’algebra è qualcosa di profondamente necessario per sviluppare calcoli avanzati in quanto permette generalmente di portare equazioni, potenze che hanno ovviamente le proprie regole, rendendo l’ambito, considerando la sua interezza, decisamente non per tutti.

Per risolvere l’attuale forma di “test” che è basilarmente comprensibile per uno studente di scuole superiori anche non informatissimo è sufficiente agire di passaggi obbligatori, come evidenziato dalla struttura seguente.

Il coefficiente razionale fa riferimento ovviamente al concetto di numero razionale, che risulta ottenibile calcolando il rapporto tra due numeri interi primi fra loro, il secondo dei quali diverso da zero, mentre il massimo comun divisore risulta essere il più grande denominatore comune tra due o più numeri dati.

In questo modo si raggiunge il risultato che è 11/5 (2×20+5).

Lascia un commento