Traslocare dal Regno Unito all’Italia. Come spedire oggetti pacchi e oggetti voluminosi

| |

Una delle domande più gettonate in ogni forum di expat nonché tra le richieste affidate alla rete riguarda la possibilità di spedire dei pacchi o degli oggetti particolarmente ingombranti dal Regno Unito all’Italia (e viceversa).

Questa è una situazione in cui molti si possono ritrovare per svariate ragioni, si sceglie di cambiare casa e la nuova residenza sarà più piccola della precedente, dunque ci si vuole disfare di qualcosa pur senza farlo definitivamente, dunque si pensa di mandarlo al sicuro nel garage dei genitori in Italia.

Oppure è il caso di chi si è trasferito in UK per un contratto di lavoro stagionale o per un erasmus o per un progetto di ricerca, insomma per situazioni a termine.

Qualunque sia la condizione i cui ti trovi, devi sapere che una soluzione c’è, basta solo saper cercare nel mare magnum del web quella più opportuna per le tue esigenze.

Proviamo noi a darti qualche consiglio in questo articolo, oltre a suggerirti alcune compagnie di traslochi internazionali altamente affidabili e per ogni tipologia di budget.

Una precisazione: abbiamo scritto questo articolo sulla base di feedback raccolti nelle comunità di Italiani nel Regno Unito, non abbiamo alcuna affiliazione o partnership con le aziende indicate.

Utilizza dei portali di confronto delle compagnie di spedizioni

Esattamente come per i voli aerei o per prenotare un albergo, anche per le spedizioni internazionali esistono dei portali come Parcel Monkey i quali ti permettono di inserire alcuni dettagli fondamentali come paese di partenza della spedizione e di arrivo del pacco e peso della merce e puoi poi confrontare i costi di spedizione in Italia da più corrieri e prenotare servizi di consegna a basso costo con i corrieri loro affiliati.

È un po’ lo Skyscanner delle spedizioni. Le opzioni di ritiro del pacco possono prevedere sia la consegna presso il domicilio indicato o presso uno sportello di un ufficio postale sito nel luogo di destinazione.

Tra i corrieri afferenti a questo portale troviamo:

  • DHL Air Express che è il modo più veloce per inviare un pacco in Italia dal Regno Unito, con un tempo di consegna di 1-2 giorni lavorativi. Questo servizio include il monitoraggio completo del pacco grazie alla tracciabilità;
  • DPD Pickup Express il quale effettua consegne in Italia in soli 2 giorni lavorativi a basso prezzo. È significativamente più economico di molte altre opzioni poiché non effettua consegno a domicilio ma solo presso il negozio DPD Pickup locale, che ti verrà comunque indicato al momento dell’invio. Un servizio non proprio comodo per chi abita in provincia.

Ditte di traslochi e spedizioni internazionali

Un’alternativa sempreverde è il passaparola, sia online che offline. Spesso nei suddetti forum di expat e gruppi Facebook si creano delle vere e proprie community e ogni singolo utente sarà sempre felice di mettere a disposizione la propria esperienza in favore di altre persone nella stessa condizione.

Ed è proprio alla luce di questi feedback che spesso si tende ad affidarsi a compagnie già collaudate da altri, perché questo trasferisce loro, in maniera inconscia, una fiducia nelle loro performance.

Tra queste vi segnaliamo le più gettonate.

  1. Bolliger UK Ltd: è anche il primo risultato di Google digitando “traslochi dall’Inghilterra all’Italia”.
    Questo perché accade? Perché la ditta Bolliger gode di un plus, oltre all’efficientissimo servizio di spedizioni internazionali, ovvero il bilinguismo dei suoi operatori.
    Con diverse sedi storiche nelle maggiori città italiane, Bolliger è sbarcato a Londra nel 2010, affermandosi come un top player delle spedizioni tra i due paesi sin da subito. I tempi stimati sono di sette giorni per le città di Roma e Milano e di qualche giorno in più – per lo smistamento da parte degli uffici italiani – per il resto d’Italia.
    Molte aziende notevoli come Fiat, Luxottica, Telecom Italia, Menarini, Banca Intesa, L’Unicredit, il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite, l’Ambasciata degli Stati Uniti in Italia affidano le loro consegne a Bolliger. (Info e contatti: http://bolliger.co.uk/traslochi-londra/)
  2. Traslochi.net: questa ditta di traslochi riesce a coprire davvero ogni area urbana e suburbana sia italiana che UK. Questo è decisamente vantaggioso per chi non vive a Londra o in città servite perfettamente dai corrieri. Sono attivi in Inghilterra da oltre 15 anni, effettuano spedizioni internazionali su più stati ma la linea principale è proprio la tratta Italia- Inghilterra.
    Anche i feedback degli utenti parlano di ottimi servizi, citando il garbo e soprattutto la celerità dei suoi dipendenti, anche per traslochi molto impegnativi. Insomma se dobbiamo pagare un servizio, l’educazione è sempre un plus ben gradito. (Info e contatti: https://www.traslochi.net/)
  3. Brollo Traslochi: come le precedenti è una società specializzata nell’effettuare traslochi dall’Inghilterra all’Italia e viceversa.
    Come nel caso di Bolliger si tratta di una società che ha alcuni presidi di stoccaggio, in Italia è a Venezia (sede principale della società che è appunto italiana), mentre a Londra sono a Endeavour Way Croydon, Surrey e ancora a Coventry e Notthingam. Una volta spedita la merce questa arriva in queste sedi, data in affidamento ad altri corrieri che la smisteranno nel resto del paese di destinazione. Un’operazione che ovviamente richiede dei giorni in più. (Info e contatti: https://www.brollotraslochi.it/traslochi/traslochi-internazionali/)
  4. John Mason: non solo italiani, anche le ditte inglesi come John Mason sono affidabili e utili in termini di servizi di traslochi e spedizioni internazionali. In particolare questa azienda rende agevole ogni mossa perché ha un sito internet molto intuitivo che ti permette di calcolare tempi e costi delle tue spedizioni, così come la modalità di consegna: a domicilio oppure in un uno dei loro centri di ritiro. Ovviamente le due tipologie di consegna hanno preventivi diversi in termini di prezzo e tempistiche, tutto però calcolabile senza impegno. (Info e contatti: https://www.johnmason.com/)
Previous

Come viaggiare dall’Inghilterra all’Italia senza utilizzare l’aereo

Voli da e per il Regno Unito – Le domande più frequenti

Next

Lascia un commento

Questo sito utilizza cookies. Hai il diritto di scegliere se abilitare i cookies statistici e di profilazione . Abilitando questi cookies cliccando sul pulsante o proseguendo nella navigazione, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore .